Comunicato sulle specializzazioni

dicembre 06, 2010  |   Blog   |   Commenti disabilitati su Comunicato sulle specializzazioni

Comunicato stampa

La crisi vale per tutti

più efficienza e meno sprechi anche per le Casse di previdenza

Ester Perifano (Associazione nazionale forense): “Inutile perdere tempo su questioni tecniche, sull’applicabilità o meno delle norme della manovra alle casse private, l’obiettivo è chiaro e giusto: risparmiare riducendo i costi non essenziali. La Cassa forense dia l’esempio, non aspetti la conversione del decreto e applichi volontariamente le misure di contenimento della spesa.

“C’è la crisi economica, la Cassa forense   – su pressante richiesta del governo  – ha appena approvato una pesante riforma previdenziale che incide non poco sulle tasche degli avvocati, non serve  una legge per decidere di ridurre gli sprechi e aumentare l’efficienza.  La Cassa forense agisca subito e volontariamente, tagliando dove si può e attrezzandosi per gestire in modo più efficiente il proprio patrimonio”. E’ quanto dichiara Ester Perifano, segretario generale dell’Associazione nazionale forense in merito alle polemiche sull’applicabilità o meno alle casse previdenziali private, tra cui la Cassa forense, delle misure di contenimento della spesa previste dalla manovra economica del governo.

Secondo Anf, quindi, non solo la tesi sostenuta dall’Associazione degli enti previdenziali privati (Adepp), che ritiene inapplicabili alle Casse le norme in questione, è decisamente opinabile dal punto di vista tecnico, ma soprattutto è sbagliata dal punto di vista etico e politico: «Se andiamo a vedere i conti della Cassa nel 2008 – spiega Milena Liuzzi, responsabile previdenza di Anf – emerge che le spese di gestione dell’Ente ammontavano a circa 26 milioni di euro, di cui il 64% per i costi del personale. Dunque è corretto che, soprattutto alla luce dei sacrifici imposti all’intera avvocatura, i costi di gestione subiscano una riduzione. È chiaro che le spese di gestione rappresentano una percentuale minima, ma sarebbe importante che i sacrifici venissero estesi anche a tali partite». Le possibilità di ridurre le spese sono molte,  a partire dai rimborsi e dai gettoni di presenza legati alle riunioni delle Commissioni, delle quali tutti gli 80 componenti dell’Assemblea della Cassa forense fanno parte:  “Meno commissioni  oppure meno riunioni oppure meno componenti, insomma risparmiare si può. Anzi, si deve”.

Articoli correlati

Non ci sono articoli correlati.

Ultime Notizie